top of page
  • cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

E anche Barry ci saluta. Al via l'ultima stagione

Mi scuso con i lettori abituali che, recentemente, in vari articoli, avranno letto quanta malinconia accompagna le mie parole su questo momento storico seriale in cui, alcuni grandi show ci stanno dicendo addio.

Succession finirà nel paradiso seriale, ricordato come uno degli show migliori di sempre.

Ted Lasso resterà un esempio indimenticabile di comedy sportiva, divertente e trasudante buoni sentimenti nonchè uno degli show più premiati della storia della tv.

The Marvelous Mrs Maisel, infine, sarà ricordata da tutti con uno degli show con i dialoghi più veloci, ironici e intelligenti che si sia mai visto in circolazione.

E Barry?

Come verrà ricordato il gioiellino scritto, spesso diretto e sempre interpretato da Bill Hader?

La serie della HBO è ritornata, pochi giorni, fa, sulla HBO con la quarta e (manco a dirlo) ultima stagione.

Anche in questo caso si tratta di un grande ritorno, in pieno stile Barry e perfettamente coerente con l'incredibile colpo di scena che il finale della terza stagione ci aveva regalato.

Con un protagonista in trappola ed una serie che rischiava di soffocare la propria narrazione, gli autori si sono dedicati, in questi primi 2 episodi, all'introspezione di Barry Berkman e alle vite degli altri personaggi, visibilmente sconvolte o "toccate" dagli eventi accaduti a Barry.

Ne emerge una serie matura e sicura di se, molto oltre il concetto di serie incastrata in un genere o in un altro, cosa su cui avevo incentrato praticamente l'intero mio post sulla stagione 3.

Barry conferma di essere non una semplice comedy ma di essere qualcosa, nella sua totale assurdità, di molto più complesso.

Il salto dall'essere una serie divertente ad essere (anche) una serie drama è stato palese a tutti nel corso della stagione 3.

Questo avvio certifica la necessità di viaggiare lungo binari inesplorati che mescolino il thriller alla dark comedy, il drama più puro al semplice intrattenimento.

Il successo e la forza di Barry sta proprio nella sua deliziosa indefinitezza. Il grottesco è da tutte le parti. Basti pensare alla splendida coppia costituita da No Ho Hank e Cristobal, quelli che sulla carta dovrebbero essere 2 spietati assassini a capo di efferati clan e che invece si ritrovano, teneramente a vivere una vita di coppia a Santa Fe sotto un portico. Esilaranti.

E poi Fuches e le sue spietate nevrosi.

Sally ed i suoi sogni infranti.

Gene e la sua duplicità nascosta innanzitutto a se stesso prima che agli altri.

Barry è l'esaltazione dell'assurdo ma è anche la storia di un ragazzo traumatico e traumatizzato da un'infanzia misteriosa e tragica prima e dalle uccisioni "legali" vissute quando era un marines, poi. Quel ragazzo, divenuto uomo, è stato risucchiato dentro una spirale di violenza e morte dalla quale, con coraggio e determinazione ha provato ad uscire per realizzare uno dei sogni più irraggiungibili e comuni per un uomo; quello di diventare un attore.

Quel sogno è stato infranto, brutalmente, proprio dalla vita dalla quale stava scappando proiettandolo (e proiettandoci) verso l'ultimo capitolo della buffa, strana e drammatica storia di Barry Berkman.


Voto 4x01: 8

Voto 4x02: 7,5

134 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page