top of page
  • cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

Ce ne siamo dimenticati ma The Affair è stata una serie importante

Possibile dimenticarsi cosi in fretta di una serie fondamentale?


E' possibile che un prodotto dirompente diventi un prodotto "normale"?


Quanto è rapida la nostra capacità di dimenticare?


Forse non ve lo ricordata ma The Affair è stata una serie capace di vincere tutto al suo esordio. Immaginate i premi più importanti che si possano ricevere nel panorama seriale.

Bene.

La serie Showtime li ha vinti tutti.

Come?

Grazie ad un cast in formissima che comprendeva Maura Tierney, Ruth Wilson, Dominic West e Joshua Jackson ma soprattutto grazie ad un'idea brillante incastonata in una struttura narrativa che ha fatto scuola e che The Affair, forse per prima, aveva spinto cosi oltre.

Nel corso degli anni, però, complice la caduta dell'effetto novità e l'appiattimento di alcune storyline, tutti si sono dimenticati della grandezza di The Affair che cosi è scivolata verso la fine tra il disinteresse generale.

Come è stato possibile?

Colpa della serie o colpa nostra?

Ci sarebbe bisogno di parlare molto più diffusamente del finale di "The Affair" e dello show che tanti spunti interessanti ci ha fornito in generale e che, come sicuramente in molti di voi sapranno è terminata oramai da 3 anni. La serie di Showtime ci ha salutati con un finale intenso e commovente o quantomeno molto emozionante.

E' stato un finale abbastanza lungo nella sua durata, di circa un'ora e mezza, e che ha fatto tornare alla mente quasi istintivamente illustri ed indimenticabili series finale di qualche anno fa.

Su tutti: "The Leftovers" e "Six Feet Under".

Non so davvero quanti brividi vi hanno attraversato al solo pensiero di questi 2 incommensurabili show.

Stiamo parlando di 2 dei finali più belli della storia della tv, in riferimento soprattutto al memorabile finale di Six Feet Under che ha davvero segnato un punto di non ritorno, un paradigma per tutti i series finale di li a venire.

Questo dovrebbe bastarvi a farvi capire come, quindi, anche il finale stesso di The Affair si sia iscritto, a pieno titolo e con totale diritto, alla cortissima lista delle serie tv con una conclusione eccellente.

L'atmosfera dei 3 finali sopracitati è, di fatto, molto simile, il tono anche e soprattutto possiamo dire che tutti e 3 i finali abbiano vissuto e regalato una conclusione anticlimatica.

Ci si aspettava qualcosa che non è arrivata ma ciò che abbiamo visto è stato al di sopra delle nostre più rosee aspettative. Che questo sia riuscito a farlo Lindelof con The Leftovers poteva anche essere qualcosa che ci saremmo potuti attendere da chi ha scritto il controversissimo finale di Lost. Che ci sia riuscito Alan Ball con l'esistenzialismo puro di The Six Feet Under, poteva anche starci.

Che a farcela sia stata una serie cosi tanto dimenticata come The Affair era cosa tutt'altro che pronosticabile.

Le serie, pur partendo da presupposti diversi, finiscono per parlare di vita e soprattutto di morte, intesa come fase conclusiva del nostro percorso terreno. Ineluttabile, indispensabile per dare senso a tutto ciò che la precede.

La storia di Noah Solloway ed Helen Butler termina con un lungo addio che li vede attraversare tutte le fasi necessarie al compimento del loro grande percorso, quello con la P maiuscola.

Rabbia, riavvicinamento, perdono, riconquista, consapevolezza, coraggio, stabilità, amore. Tutto quello che era nato come amore e con l'amore termina il suo viaggio come e con l'amore. Nel mezzo delusioni e tradimenti, gioie e dolori, famiglia e figli, addii e arrivederci. Vita insomma.

Attraversiamo le età di questa coppia per attraversare metaforicamente le fasi della vita, le stagioni dell'esistenza. In questo c'è molto di Six Feet Under, nel suo voler raccontarsi attraverso esperienze umane per spingerci ad amare, a compiere "la scelta più coraggiosa e rischiosa" come dirà Noah.

Sarà quella scelta a definirci, a renderci vivi e speciali.

La vita è una, i momenti belli saranno brevi e rari e allora dovremo acciuffarli o almeno provarci.

Di "The Leftovers" questo "The Affair" eredita la purezza e sregolatezza dei suo personaggi. Diversi eppure accomunati dalla ricerca di una felicità spesso troppo vicina per essere davvero ammirata, capita, considerata come tale.

Alla fine è l'amore a trionfare, sopra ogni cosa.

Lo è per Noah ed Helen cosi come lo era per Nora e Kevin.

Un finale straordinario, con una scena lunga ed enigmatica che ci fa abbandonare personaggi indimenticabili che per sempre porteremo nel cuore.




Sviluppo Personaggi: 8,5

Complessità: 7

Originalità: 9

Autorialità: 6,5

Cast: 9

Intensità: 8

Trama: 7

Coerenza: 5

Profondità: 9

Impatto sulla serialità contemporanea: 9

Componente Drama: 9

Componente Comedy: 1

Contenuti Violenti: 1

Contenuti Sessuali: 4

Comparto tecnico: 5,5

Regia: 6

Intrattenimento: 6

Coinvolgimento emotivo: 9

Opening: 7

Soundtrack: 2

Produzione: Showtime

Anno di uscita: 2014

Stagione di riferimento: 1-5

103 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti
bottom of page