• cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

17 Aprile 2011: l'inverno era arrivato. Il finale di Game of Thrones lo ha spazzato via.

4.0 è il voto che troverete attualmente su imdb.com rispetto a "The Iron Throne", ultimo episodio di una delle serie tv più importanti della storia della televisione.

Pensate che, tornando indietro al 17 Aprile 2011, giorno del debutto dello show, sarà 9.1 il numerello decimale accanto a "Winter is coming", pilot di una delle serie tv più apprezzate e dominanti della storia.

IMDB non è certo l'oracolo e spesso bisogna diffidare dei voti che troviamo sul db cinematografico e seriale più celebre del web, però è una fonte di importanti riflessioni e di grande consapevolezza , visti i circa 231000 voti, di quanto il finale della serie di HBO non sia piaciuto, per usare un eufemismo, e quanto in generale l'ultima stagione sia stata da molti considerata una catastrofe.

Parliamo di un prodotto che ha cambiato per sempre il modo di vivere una serie tv. Prima di Game of Thrones c'erano state solo flebili avvisaglie di quello che sarebbe diventato il modus vivendi dei fan nell'epoca dei social network e dell'iperconnessione.

Game of Thrones si è trovato ad essere vittima di sè stessa in quanto episodio dopo episodio è stata vivisezionata dal popolo del web che ha prodotto negli anni enciclopedie di teorie più o meno assurde e veri e propri profili psicologici di ogni personaggio.

La sensazione comune è che Benioff & Weiss, causa anche il forzato distacco dai libri di Martin, siano stati travolti dal fenomeno culturale che GOT era diventato.

E cosi ci siamo trovati di fronte ad una serie che fino alla stagione 5/6 era in lizza per diventare la più celebre e riuscita serie tv all time. E' finita come sappiamo, con una petizione per riscrivere l'ottava stagione, fan infuriati, sceneggiatori in fuga da ogni commento e addirittura, si mormora, una rottura tra la Disney e il duo di autori (scritturati inizialmente per continuare la saga di Star Wars) causata proprio dalla reazione scomposta e negativa del pubblico rispetto alla gestione dell'ultima stagione.

Oggi, a 10 anni dal pilot e quasi 2 anni dalla fine della serie, a bocce ferme e mente fredda, possiamo sicuramente fare qualche riflessione più pacata e decretare più serenamente cosa quel finale abbia significato e cosa abbia lasciato in eredità.

Innanzitutto possiamo partire con un dato di fatto storico.

Con la fine di Game Of Thrones ci troviamo di fronte alla fine di un'era, l'era dei cosiddetti prestige drama classici, ovvero quelle serie di indiscussa qualità e gravitas, con cast importanti, budget importanti e fortemente autoriali. Non che, finita GOT, queste serie cesseranno di esistere, anzi lo sforzo produttivo in futuro sarà ancora più importante, attirando sempre più attori, autori, registi di grido. Quello che però termina, con il finale di Game Of Thrones, è quell'epoca in cui abbiamo atteso settimana dopo settimana, anno dopo anno il ritorno dei nostri beniamini televisivi, da Don Draper a Walter White, passando per i coniugi Jennings (The Americans) e la famiglia Fisher (Six Feet Under).

Per nostra fortuna, Disney Plus, ed in parte Amazon, hanno fiutato che non si può vivere di solo Binge Watching e hanno riproposto, recentemente, serie tv a rilascio settimanale, da WandaVision a The Falcon and The Winter Soldier, passando per Invincible e The Mandalorian, che sono riuscite a farci respirare nuovamente atmosfere da Golden Age.

Oggi, però, siamo a piene mani nell'epoca del binge watching e della peak tv.

Più che spettatori stiamo diventando consumatori.

Il tempo si è contratto pericolosamente e fenomeni come Game of Thrones, capaci di durare 8 anni e di generare dibattito anche quando non era in onda, non ne avremo probabilmente più.

Game of Thrones è stata anche la serie tv che ha calamitato l'attenzione delle grandi major, ha spinto molti addetti ai lavori ad interessarsi al mondo televisivo. Una delle cause della grande migrazione di tecnici, attori, registi, produttori, creatori, dal cinema alla tv è stata proprio l'esplosione della serie tratta dai libri di Martin.

Anno dopo anno, la HBO ha investito sempre più denaro, producendo episodi epici come "Battle of Bastards", "Hardhome", "Spoils of War", "The Winds of Winter" e tanti altri, episodi che avrebbero fatto impallidire centinaia di produzioni cinematografiche.

E forse, Game of Thrones, più di ogni altra ha allargato la prospettiva verso un mondo parallelo, quello del merchandising, fatto di t-shirt e tazze, funko-pop, poster e di un turismo seriale in grandissima espansione prima che il covid piombasse sulle nostre teste. Un giro di denari che nessuna serie mai aveva saputo generare.

Questi e tanti altri motivi devono farci pensare a Game of Thrones come un game changer assoluto, capace di modificare per sempre l'assetto televisivo, l'importanza della serialità all'interno dell'ambito audiovisivo.

Ma se è vero che a livello generale la serie ha solo da essere applaudita e ringraziata, essa ha deluso ampiamente la propria base e lo ha fatto nella sua annata più attesa, quella finale.

L'ultima stagione è stata davvero un disastro.

Ci sono stati errori talmente banali da sembrare voluti. Una sciattezza nella scrittura, un disordine mentale che ci saremmo aspettati da serie come "Gli occhi del cuore" di Ferrettiana memoria.

E invece sono arrivati da parte di 2 autori che fin li si erano dimostrati, tutto sommato, all'altezza, in un momento dove era vietato fallire e con a disposizione tempo e denaro a sufficienza per creare un finale convincente e degno di un'epopea come quella.

Per di più, l'aspetto se vogliamo doloso, è rappresentato dalla fretta con cui D&B hanno voluto chiudere il tutto. Non è un mistero che la HBO avesse offerto un rinnovo fino alla decima stagione per un totale di circa 40 episodi anziche i 13 delle ultime 2 stagioni. Un modo per continuare ad investire in un progetto cosi proficuo ma anche per regalare ai fan una chiusura in linea con le aspettative di qualità e coerenza narrativa che il mondo attendeva.

D&B hanno preferito chiudere perchè avevano altri progetti in cantiere tra cui la futura trilogia di Star Wars dalla quale sono stati espulsi proprio in seguito al finale di GOT.

E come se non bastasse negli ultimi mesi sono sempre più frequenti le dichiarazioni di membri del cast e della crew che lamentano di aver più volte indicato agli autori correzioni agli script, per molti incoerenti e frettolosi.

La critica più dura è arrivata dal regista di punta della serie, Miguel Sapochnick (Battle of Bastards, Hardhome, The Long Night), il quale ha commentato molto negativamente il comportamento di Benioff & Weiss, i quali avrebbero ordinato a Sapochnik di eseguire quanto indicato negli script e di non continuare a chiedere modifiche. Il regista ha ammesso di aver dovuto girare scene che non riteneva in linea con il livello che la serie aveva sin li dimostrato, con delle incoerenze clamorose che lo hanno mortificato e retrocesso al ruolo di mero esecutore di una sceneggiatura di basso livello.

Ed il punto purtroppo è proprio quello.

Gli script della stagione 8 sembrano partoriti da giovani aspiranti scrittori con nessuna base di sceneggiatura.

Volendo passare in rassegna piccoli dettagli:

  • La compagnia dorata a cosa è servita?

  • L'utilizzo militare dei Dothraki non rispetta la loro tradizione

  • La tazza di caffè sul set

  • Bottiglia d'acqua sul set

  • Lo sviluppo o meglio l'involuzione di quasi tutti i personaggi

  • La rapidità con la quale si sono sviluppati gli eventi

  • Il ruolo di Brann

  • L'incapacità di sfruttare al meglio la mitologia a disposizione (pensate a tutto il tema legato all'unione fra il ghiaccio e il fuoco incarnata da Jon e Daenarys)


And so on...


In generale, ciò che è stato mortificante è stato il percorso dedicato a quasi tutti i personaggi principali, i quali hanno come interrotto una bellissima evoluzione lunga 7 anni per tornare indietro, regredire rispetto al punto che avevano faticosamente raggiunto o addirittura per fare delle inversioni ad U clamorose.

Pensiamo a Jamie Lannister, personaggio favoloso, tormentato come pochi e che in 7 anni era riuscito a completare una parabola di redenzione faticosa ma lineare. L'ottava stagione, purtroppo, lo ridicolizza.

Ma pensiamo anche ad Arya, personaggio cruciale sino in fondo ma che ha visto depotenziato enormemente il suo viaggio da guerriera in cerca di una vendetta scioltasi come neve al sole proprio quando era a portata di mano.

Di Brann meglio non parlare, personaggio potenzialmente incredibile ridotto a villain nascosto della serie (secondo le teorie di molti).

Jon Snow avrebbe potuto diventare il miglior personaggio della storia della tv.

Sintesi del ghiaccio e del fuoco, Azor ahai, immortale, coraggioso, unificatore di popoli, valoroso guerriero e grande uomo.

La sua ottava stagione è un continuo piegarsi alle volontà di una donna che a sua volta compie la più grande inversione ad U che si ricordi su uno schermo. Jon Snow viene percepito come irrilevante, lui che sarebbe, nei fatti una delle figure narrativamente più potenti della storia della serialità.

E' un fallimento fatto di piccole e grandi cose.

Un fallimento che brucia tanto perchè non arriva da una serie mediocre ma da una serie eccezionale.

Oggi, guardiamo con un distacco raggelante a quell'ottava stagione.

Un distacco che sfocia quasi nella dimenticanza, nella volontà di mettersi alle spalle qualcosa che abbiamo amato visceralmente per oltre 8 anni, che abbiamo atteso, dibattuto, sponsorizzato a pieni polmoni.

Ed è forse questa la sconfitta più grande di Game of Thrones, passare dall'essere il trend topic perenne all'essere quella serie bella ma dal finale pessimo, dalla stagione finale totalmente dimenticabile, completamente da buttare e riscrivere.

Una serie stupenda, finita talmente male da indurci a non consigliarla a nessuno, da indurci a negare a molti la bellezza di un percorso fantastico vanificato sul più bello.

10 anni fa fummo folgorati da quel pilot dove le location, i personaggi, le casate, i simboli, i piccoli dettagli, ci spingevano a vedere in Game of Thrones la serie con il potenziale più alto su piazza.

8 anni dopo abbiamo percepito come sprecato quel potenziale e come vane quelle speranze.

Alla luce di questo percorso, sarebbe audace consigliare a qualcuno di iniziare una lunga serie, a tratti impagabile, sapendo che quel che resterà sarà soltanto fumo misto a macerie, come quelle lasciate dalla madre dei draghi su Approdo del Re.

Non pensate?

175 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti