top of page
  • cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

Operazione Pilot: The Americans - Chapter #4

Dopo una pausa dettata, soprattutto, dal roboante speciale 2022 che mi ha tenuto impegnato per circa 2 mesi, ritorna una rubrica a cui tengo molto e che spero decolli ampiamente.

Si tratta di quella che ho definito come "Operazione Pilot".

La descrizione la trovate in questo articolo.

Nel mio viaggio nel tempo, da spettatore consapevole, ho pensato, questa volta, di dirigermi nell'America degli anni '80, quella della Guerra Fredda proliferante, della propaganda USA vs quella Sovietica, quella di un conflitto nucleare imminente ma mai, per nostra fortuna, avvenuto.

Sembra di rivivere quei giorni oggi con la guerra in Ucraina?

Un po' si, e ammetto che quello è stato uno dei motivi per cui ho deciso di dedicare questo quarto capitolo alla strepitosa The Americans.

Gli altri 3 capitoli della saga li ritrovate di seguito, vi basterà cliccare su uno dei link per essere reindirizzati opportunamente:


Il 30 gennaio 2013 andava in onda, su FX, quella che sarebbe diventata, insieme ad Homeland (qui la recensione), lo spy drama migliore di tutti i tempi.

Non è mia intenzione stare qui a far classifiche, che possono essere sempre oggetto di scontri, diatribe e scambi accesi. Si dia per scontato, per acquisito, però, che quando parliamo di The Americans stiamo parlando di una delle migliori serie tv in assoluto che qualsiasi cable tv, piattaforma streaming, tv generalista, produttore indipendente abbiamo mai creato.

Come sapete, però, lo scopo di Operazione Pilot è duplice.

Da un lato è quello di riprendere quelle che sono state serie tv oramai archiviate e concluse, per poterle a voi ricordare e riproporre.

Dall'altro (e questa è una vera sfida per il me spettatore/blogger), capire quanto fosse già presente all'interno del pilot l'essenza e la qualità di quella che sarebbe diventata, poi, una grandissima serie.

Riguardando il pilot di The Americans, quale sarà stato l'effetto?

Quale sarà stata la risposta?


I 70 minuti inziali di questa saga indimenticabile, certificano una qualità assoluta sotto ogni punto di vista. Inoltre, sin dal primo episodio, col senno di poi, sono chiare le dinamiche che avrebbero dominato e governato il resto dello show.

Philip ed Elizabeth sono una coppia felicemente sposata e con prole. Una classica famiglia americana che dimora in uno dei tanti, e tutti uguali, sobborghi a stelle e strisce. Lei lavora, lui lavora, possiedono una casa, 2 auto, hanno 2 figli che seguono tutti i programmi di istruzione per diventare un cittadino americano modello. Nulla di scoppiettante. Tutto molto comune. Molto noioso. Tutto molto noioso se non fosse che Philip ed Elizabeth non sono quel che sembrano ma sono 2 agenti russi dormienti, infiltrati dal famigerato Direttorio S. sul suolo americano per mimetizzarsi fra gli statunitensi a tal punto da dimenticare se stessi, da dimenticare, nel profondo, la loro identità.

Cosi come avvenne in Mad Men (qui la recensione), anche in The Americans è cruciale il tema dell'identità. I coniugi Jennings sono figli di qualcosa che esiste, oramai, solo nella loro testa, nella loro ideologia.

Anni vissuti in quei sobborghi americani, a contatto con vicini liberi, spensierati e guidati dal capitalismo e dal consumismo, li hanno, irrimediabilmente, costretti a guardarsi dentro e chiedersi se, nel profondo, esiste ancora qualcosa della loro vecchia vita o se pian piano essi stiano diventando, sempre più, e sempre più radicalmente, Elizabeth Jennings e Philip Jennings.

Nella mia memoria impazzita ero quasi certo che questo tema fosse emerso molto più avanti nella serie e invece ho constatato come, sin dal primo istante, questo tormento appaia fortissimo, soprattutto in Philip.

E qui vengo all'altro elemento che mi ha mandato in brodo di giuggiole.



La diversità, quasi irrimediabile, di opinioni e sostanza, che emerge fortissima, sin dal pilot, fra i 2 personaggi principali.

Philip è ritratto, sin dal primo episodio, come un agente eccellente, devoto alla madre Russia ma anche molto aperto al cambiamento, molto attratto dalla sua nuova dimensione, quella di marito, padre, amico, lavoratore. E' come se Philip si guardasse allo specchio, circondato dai comfort e le sicurezze occidentali e vedesse in quel riflesso le sembianze di un uomo a cui gli piacerebbe assomigliare.

Per Elizabeth, invece, il discorso cambia.

La donna è il ritratto di un soldato, di un soldato leale, dalla fede incrollabile, costruito per uccidere e ottenere informazioni e rendere grande la propria patria. Elizabeth non conosce incertezza, non vacilla e, anzi, appare disgustata dalla debolezza degli uomini e delle donne occidentali.

Sono 2 visioni inconciliabili ma che, per forza di cose ma anche per amore, devono tenersi strette l'una all'altra, incollate come 2 pezzi di un vaso rotto in 2 pezzi.

Emerge chiarissima questa differenza, anche in questo pilot ed emerge grazie al rapimento del grande traditore della madre Russia, quel generale Timoshev che, una volta catturato, prova a convincere i 2 agenti a rilasciarlo. In cambio, i Jennings avranno soldi e gratitudine eterna dal governo americano, proprio come accaduto con lui. Elizabeth non vacilla neppure per un istante. Philip si, a tal punto da mettersi contro la moglie e provare a ribaltare le proprie sorti.

Il ribaltone non avverrà perchè per Philip c'è una cosa che è più forte della disperazione, più forte della libertà, ed è l'amore, quell'amore per quella donna sconosciuta, sposata a forza, in un paese lontano, in un paese ostile ma che ora chiama moglie, è costretto a chiamare amore, è accanto a lui in ogni istante, è la madre dei suoi 2 bambini. Elizabeth è il suo scopo di vita, più della Russia, più della libertà e per lei farebbe ogni cosa.

Questo lungo tratteggiare i 2 protagonisti non sarebbe stato cosi efficace, ne nel pilot, ne in tutto lo show, senza il lavoro straordinario di 2 attori come Keri Russel e Matthew Rhys. Non sono e non sono mai stati attori di grido. Non sono gli Al Pacino o le Meryl Streep di questo mondo ma, fateli entrare in uno show come The Americans e vi arricchiranno quello show come pochi altri, lo esalteranno come pochi altri. La duplicità dei 2 personaggi che sono chiamati ad interpretare è resa benissimo da entrambi, nelle interazioni coi figli e con i nuovi vicini, capitanati da quello Stan che tanto filo da torcere, in qualità di membro del controspionaggio, gli darà per tutta la serie.

Il 30 gennaio 2013 debuttava quella che sarebbe diventata una serie tv epocale.

Era tutto già annidato in quei primi 70 minuti. I caratteri dei personaggi, la storyline principale, le insidie, l'azione, la tensione, l'adrenalina, la grande profondità delle scelte che ognuno sarebbe stato chiamato a compiere.

Se The Americans si è rivelata una serie di livello supremo, capace di vincere anche il Golden Globe più prestigioso nel 2019, non è stato per caso.

Questo pilot lo dimostra.


Voto Pilot: 9,5

75 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page