• cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

Pieces of Her: Toni Colette non basta

Conoscete Toni Colette?


Il catalogo Netflix lo avete setacciato tutto?


Cercate un discreto thriller?


Pieces of Her è uno dei mille mila titoli presenti sul catalogo Netflix.

Nasce e cresce nel 2022 e tocca raccontarlo in minimo visto che, in fondo, male male non è anche se, vi avviso, queste first impression rimarranno tali perchè ho deciso, a tutela della mia salute mentale, di non andare oltre il pilot.

Frammenti di lei (come è stata tradotta in italiano) è una serie che è tratta dall'omonimo romanzo del 2018 di Karin Slaughter, autrice che, in tutta onestà, non avevo mai sentito nominare prima d'ora ma che, a quanto pare, ha venduto oltre 40 milioni di copie con i suoi 21 libri e risulta essere una filantropa di buona fama. Cosi. Per cultura generale.

Venendo allo show di Netflix, la protagonista, o oserei dire la mattatrice è Toni Collette (Unbelievable, The Staircase), una che forse non ricorderete dal nome ma che dal volto, son certo, tenderete a rimembrare.

Perchè abbandono la serie?

Solito motivo.

Siamo travolti da numerosi titoli. Centinaia e centinaia all'anno. Una cinquantina risulteranno, per un motivo o per un altro, imperdibili, un paio entreranno nell'olimpo, degli altri potremo anche dimenticarci. E allora è giusto dare uno sguardo a tutto quello che si può ma è anche giusto che, basandoci anche su voti, commenti e opinioni altrui (verificate e stimate dal sottoscritto) alcune serie, soprattutto se accolto tiepidamente dopo la visione dei primi episodi (sempre dal sottoscritto), subiscano un anticipato saluto (ancora una volta dal sottoscritto).

Nulla vieta, però, che, qualora abbiate un debole per la Collette o per i buoni thriller, decidiate di andare avanti.

In fondo, questo Pieces of Her, non è malvagio.

Trattasi, appunto, di thriller, di un buon thriller che parte da un evento che viene mostrato in tutta la sua crudezza.

Accanto alla Colette vi è una sorta di co-protagonista, interpretrata da Bella Heathcote. Le 2 protagoniste assistono ad un omicidio. Sedute. Impotenti. Diventano testimoni di qualcosa di cruento e orribile. Quel qualcosa di cruento e orribile non diventa una strage solo perchè una delle 2 donne riesce ad evitarlo. Come? Bloccando l'aggressore con una prontezza di riflessi ed una tenacia tipiche di chi quel tipo di cose, quel tipo di situazioni le ha già vissute mille volte.

E qui il punto di svolta da cui tutto parte (pensavate che fosse l'evento cruento ed orribile il centro di tutto, vero? Eh no..).

L'eroina, la nostra eroina, non è una poliziotta, ne tantomeno una maestra di arti marziali e non è certo un agente della CIA. La nostra eroina è una logopedista.

E dunque, la domanda che nasce spontanea è: come diavolo ha fatto una logopedista a fermare un assassino in piena foga e follia omicida?

Ed eccovi il giallo.

Servito su un piatto d'argento.

Vi ha ingolosito?

Continuate la visione.

Sono solo 8 episodi e se questo vi basta per spendere 6-7 ore su Netflix, chi sono io per fermarvi?


 


Voglia di continuare a vederlo: 6,5

Voglia di consigliarlo: 6

Originalità: 5

Cast: 7

Comparto Tecnico: 5,5

Dove Vederla: Netflix

Anno di uscita: 2022

119 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti