• cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

Them tra horror, drama e le black lives che contano

Siete amanti dell'horror?


Capire e studiare tutto ciò che ruota intorno al movimento Black Lives Matter è la vostra nuova missione?


Preferite una serie rischiosa ma originale ad una serie buona ma già vista?


State cercando qualcosa da vedere su Amazon Prime Video?


Aprite l'app di Amazon Prime Video, selezionate la lente della ricerca e scrivete T-H-E-M.

Ora mettetevi comodi, spegnete le luci, abbracciate la vostra bella o il vostro bello (o se volete anche il cucciolo di labrador che si sarà posizionato, nel frattempo, tra la pantofola destra e quella sinistra), poggiate i popcorn sul tavolino e godetevi questo terrificante spettacolo ahinoi molto poco lontano dalla fantasia e molto vicino, almeno in termini di tensione e di disagio, a quello che il popolo afroamericano deve aver vissuto in un passato molto, troppo recente.

Di cosa parla esattamente Them?

Fareste prima a guardarlo o leggere altrove come spesso mi capita di ripetere mentre provo a farvi capire quale è lo scopo di questo sito. Non spiattellarvi sinossi o lunghi spoiler, non raccontare trame o fare la lista del cast, dei personaggi e degli autori ma portarvi dentro le sensazioni vissute da chi scrive nel guardare questa o quella serie e provando a creare link tra questa e quella serie, tra questo e quel personaggio, tra questa e quella ambientazione, tra questa e quella realtà seriale all'interno dello sconfinato universo delle serie tv.

Su Them, in particolare, sarebbe anche difficile dirvi di cosa parla poichè Them parla, senza lanciarvelo addosso, del grande tormento e della grande sofferenza del popolo afroamericano in America, tout court,

Nella fattispecie parla di una famiglia afroamericana che, negli anni '60 o giù di lì, si trasferisce nei sobborghi statunitensi, covo dei bianchi e ritratto da copertina della famigliola felice con marito di successo, mogliettina e figli a casa, giardino dove fare barbecue con gli amici, incontri (a casa) tra le donne del quartiere, incontri (al bar) fra i maschi alfa del quartiere.

In questo contesto piomba una famiglia di colore che scatena i sentimenti più profondamente discriminatori della piccola comunità di persone presenti in quella lunga strada che strada non è ma metafora della società americana, o ancor di più dell'American Dream.

La fittizia e artefatta serenità degli abitanti del luogo, specchio del consumismo e del capitalismo imperante e avanzante in quegli anni, viene turbata da queste "scimmie" barbare e abiette da cui tenersi a debita distanza, o per meglio dire, da estirpare alla radice prima che andassero a sporcare il vicinato ed, in senso esteso, il dominio dell'uomo bianco.

Gli autori scelgono di colorare di rosso questo incontro/scontro fra la minaccia nera e la superiorità bianca, tingendo di horror uno dei tanti racconti, belli e necessari, di questi anni sull'orrore razziale che ha bagnato tutto il novecento e che ancora oggi risente di un fortissimo eco in tutta la società a stelle e strisce.

La serie è affascinante perchè non riesce mai a dichiarare apertamente di che animale si tratti. Mixa i generi, confonde i piani narrativi, utilizza flashback particolarmente nebulosi, connota i suoi personaggi in maniera netta ma senza mai dare loro il beneficio del dubbio a priori.

Avanzando con gli episodi impera una forte commistione fra il voler interrompere la visione e il non riuscire a fare a meno di andare avanti. E' una sensazione potente e che solo apparentemente gioca a sfavore della serie. In realtà, questo sforzo enorme richiesto allo spettatore è anche la forza che traina lo show, incapace di essere facilmente leggibile ed inquadrabile e per questo cosi magnetico.

Tale difficoltà si è tradotta, per chi scrive, in un'incapacità di posizionare la serie tra le top, le medie o le rivedibili serie dell'anno. Ne è testimonianza la classificazione che ne faccio nella classifica delle migliori serie tv del 2021 (qui tutta la classifica).

Per chi ha uno sguardo attento su quelle nefandezze, Them risulterà una pregevole variazione sul tema delle disuguaglianze e le violenze razziali dell'America di quegli anni. Per chi ama l'horror-drama Them verrà visto come un abile esperimento. Per chi cercherà un puro intrattenimento essa sarà una probabile delusione.

Per chi avrà letto questo post Them sarà, probabilmente, la prossima serie da mettere in lista.




Sviluppo Personaggi: 7,5

Complessità: 8

Originalità: 9,5

Autorialità: 8

Cast: 6,5

Intensità: 7,5

Trama: 6,5

Coerenza: 6

Profondità: 9

Impatto sulla serialità contemporanea: 6,5

Componente Drama: 10

Componente Comedy: 1

Contenuti Violenti: 8

Contenuti Sessuali: 2

Comparto tecnico: 7

Regia: 7

Intrattenimento: 2

Coinvolgimento emotivo: 5

Soundtrack: 5

Produzione: Amazon Prime Video

Anno di uscita: 2021

Stagione di riferimento: 1

378 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti