top of page
  • cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

Citadel: First Impressions sulla spy story ad alto budget di Prime Video

E' stata, impropriamente, lanciata come "la serie dei fratelli Russo" ma Citadel vede i 2 registi di Avengers: Infinity War ed Avengers: Endgame, "solo" in veste di produttori esecutivi. Una buona garanzia ma non la massima garanzia visto che poi a sceneggiare e girare gli episodi sono stati altri professionisti come Bryan Oh, David Weil e Josh Applebeaum che, a vario titolo, hanno lavorato in produzioni come Hunters, Falling Skies, High Fidelity, Zoo, Cowboy Bebop e Solos. Non esattamente la stessa cosa. Non parliamo, dunque, di sceneggiatori del calibro di Vince Gilligan o Jesse Armstrong.

Tutt'altro.

La visione dei primi 2 episodi della pompatissima serie Prime Video certifica proprio questo, evidenziando una marea di piccoli e banali errori di sceneggiatura che vengono camuffati da scene di azione roboanti, colpi di scena continui, battutine ad effetto ed il fascino dei 2 protagonisti principali.

La sensualità di Pryanka Chopra, in particolare, è esaltatissima, specie nella scena iniziale e viene sfruttata al massimo cosi come il carisma ed il magnetismo, anche di carattere fisico, di Richard Madden che, non a caso, vediamo a torso nudo nella metà delle scene, anche un po' gratuitamente.

Fra loro si interpongono le 2 "menti" dietro la grande storia spionistica che Citadel propone. Stanley Tucci e Leslie Menville sono i 2 architetti dietro le 2 opposte fazioni che, in maniera abbastanza manichea, sembrano interpretare il "Bene" ed il "Male", gli Angeli ed i Demoni in un mondo caduto sotto il gioco di spie internazionali.

Cosa ne sarà di Citadel nella classifica Live 2023?

Tutto sommato c'è poco da dire di questi primi 2 episodi.

L'azione è curatissima ma la sceneggiatura meno.

I 2 protagonisti sono stati selezionati accuratamente, a differenza dello sviluppo delle loro storie.

Di scene a "cazzo di cane" ne troviamo tante mentre sono pochi gli elementi di vera qualità nella scrittura.

La trama è intrigante ma non aggiunge assolutamente nulla al genere spy-action. Un manipolo di eroi che agiscono, più o meno consapevolmente, nell'ombra per il bene dell'umanità. Dei prodi combattenti per la giustizia che vivono per garantire, attraverso eventi storici di portata globale, un futuro privo di guerre feroci e sovvertimenti cataclismatici dell'ordine mondiale. Famiglie potenti, servizi segreti, conglomerati di potere, agenzie di intelligence note e organizzazioni spionistiche, come Citadel e Manticore, non ufficialmente riconosciute o, addirittura, parificate a miti e leggende.

Una trama di fondo che lascia spazio a tante manovre ma che somiglia tantissimo a quanto visto in altre decine di serie o film spy di vario genere e tono, mi vengono in mente gli scanzonati Barry e Killing Eve ma anche i più seriosi Alias e The Night Agent.

Non fatico a comprendere il motivo di tante recensioni negative.

Con Citadel, Amazon Prime Video ha cercato di convincerci, con una massiccia campagna promozionale, di essere di fronte ad un prodotto di assoluto livello. I primi 2 episodi ci hanno restituito una serie di altissimo profilo dal punto di vista dell'intrattenimento ma scialba dal punto di vista della scrittura. Siamo lontanissimi, insomma, dai capofila di genere come The Americans, Homeland, 24 e Slow Horses.

Con un 1 Maggio che si prospetta nebuloso e di difficile abbinamento con scampagnate e gite fuori porta, potrebbe essere una buona idea dedicare 80 minuti ai primi 2 episodi, per un intrattenimento efficace, a tratti divertente e foriero di grandi possibilità e potenzialità sinora ancora nascoste in una valigetta segreta che prima o poi gli autori apriranno, condividendo con noi il prezioso tesoro. O almeno spero...Vero Priyanka?

Voglia di continuare a vederlo: 6,5

Voglia di consigliarlo: 7

Originalità: 4

Cast: 7

Comparto Tecnico: 7

Opening: 6

Dove Vederla: Amazon Prime Video

Anno di uscita: 2023

Post recenti

Mostra tutti

Commentaires


bottom of page