• cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

SerialFiller Globe 2021 (45-41) - Secondo Episodio

La ruota ha iniziato a girare, a ritroso, grazie al primo post della SerialFiller Globe del 2021 seriale, classificona in 10 puntate (+1) in cui vi invito a salire a bordo del vagone dei ricordi televisivi da conservare gelosamente rispetto all'anno passato.

La prima pietra è stata posata qualche settimana fa e qui trovate il post in cui vi ho elencato 5 serie tv meritevoli dei posti dalla 50 alla 46, più il consueto Bonus Track.

Oggi andiamo avanti con un'altra cinquina, fino ad arrivare alla posizione 41.

Da Netflix ad HBO, passando per Showtime e Disney Plus, tragedie aeree e crisi esistenziali, supereroi e grandi figure della mondanità si avvicenderanno nello spezzone di classifica che vado a dettagliarvi dopo il bellissimo logo della SerialFiller Globe 2021 (che immodesto che sono).

#45 - Mr Corman (Apple TV Plus)

E' stato, per certi versi, l'anno di Joseph Gordon Levitt. Con Super Pumped ha raggiunto un discreto successo ed un buon pubblico, forte della visibilità regalata dal personaggio interpretato e dallo sfondo Uber. C'è stata però un'altra serie che, nonostante l'insuccesso, credo lo abbia consacrato maggiormente e si tratta proprio di Mr. Corman, piccola serie di Apple TV Plus in cui recita, crea e dirige la sua mini-crisi esistenziale.

E' una bella serie, leggera, intima e molto profonda nella sua semplicità.

Da recuperare.

#44 - Your Honor (Showtime)

Bryan Cranston è sempre Bryan Cranston ed in Your Honor ci dimostra ulteriormente che, nonostante tutto e nonostante viviamo in un mondo di apparenze e fragilità, il nome di un grande artista conta ancora a qualcosa.

In Italia abbiamo anche un remake con Stefano Accorsi di questa serie, ma questa è un'altra (triste) storia.

Your Honor convince e si pregia anche della presenza di Michael Sthulbarg, bravissimo nella sua interpretazione del potenziale cattivo di una storia che, in realtà, un vero cattivo non ce l'ha viaggiando su un binario fatto di grigi.

Qui trovate la mia recensione.

#43 - The Yellowjackets (Showtime)

Ancora Showtime e stavolta con una serie tv simil Lost che ha tanto convinto il pubblico e la critica all'inizio salvo restare un po' sullo sfondo nella sua parte centrale e conclusiva, finendo quasi nel dimenticatoio.

Provo a ritirarla fuori, conscio che il terreno è scivoloso e che questa non è una grande serie ma "solo" una buona serie con tanti alti e bassi.

Le first impression recitavano cosi.

#42 - American Crime Story (FX)

Alziamo sempre le mani di fronte a Ryan Murphy ed American Crime Story.

Stavolta è stata una stagione molto presidenziale, avendo avuto come oggetto lo scandalo Lewinsky.

Bill Clinton è interpretato da Clive Owen, Monica Lewinsky da Beanie Fieldstein. Sarah Paulson c'è, come sempre e come sempre è la più convincente anche in questo caso, nonostante un ruolo sulla carta marginale.

Qui trovate la recensione completa della terza stagione della serie antologica FX.

#41 - Halston (Netflix)

Se credevate che Ewan McGregor potesse imporsi grazie ad Obi Wan Kenobi anche sul piccolo schermo, temo che vi sbagliavate di grosso.

La sua interpretazione di Halston, in Halston è stata magnificiente, meritevole di qualsiasi premio come miglior attore protagonista.

Miniserie sul genio della moda che meritava di essere raccontato.

Qui la recensione della serie di Ryan Murphy, alla seconda nomination in questo post.


 

Bonus Track: Hawkeye

Un cenno sulla più leggera delle serie Marvel - Disney Plus andate in onda nel 2021.

Clint Barton torna a vestire i panni di Hawkeye dopo gli eventi drammatici di engame e lo fa in maniera molto scanzonata tra personaggi vecchi e nuovi dell'universo Marvel sempre più espanso.

Qui la recensione.


Qui l'episodio precedente della Serialfiller Globe:


SerialFiller Globe 2021 [50-46]
92 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti