• cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

The Beast Must Die è solidissima ma puzza di "vecchio"

Aspettate un bel dramma thrilleroso da farvi mangiare le unghia senza arrovellarvi troppo il cervello?


Non riuscite a rinunciare al carisma di Jared Harris?


Cush Jumbo in The Good Fight vi appassionava più della Baransky e le altre avvocatesse di Chicago?


Siete fra quelli che non si perdono nessuna serie tv britannica?


Se avete flaggato a "true" le 4 domande allora dovete scaricare...pardon..recuperare The Beast Must Die, adattamento di AMC dell'omonimo romanzo.

Protagonisti sono per l'appunto l'ex Lucca di The Good Fight (qui la recensione) e l'ex Fringe, Chernobyl, The Crown (qui la recensione), The Expanse (qui la recensione) e chi più ne ha più ne metta, nonchè l'emergente Billy Howle, già visto in The Serpent (qui la recensione della serie tv Netflix).

Se volete sapere qualche cosa in più sul pilot e sulle sensazioni che ha lasciato, scorrete oltre la locandina di Britbox.

Piove, il cielo è grigio, si beve thè.

Dove potremmo essere se non nella terra della Regina Elisabetta II e del chicken & Chips?

Cush Jumbo è una madre incazzata che ha perso il figlio a causa di un incidente causato da un pirata della strada.

La polizia ci ha provato (?) ma non lo ha catturato.

La donna, giustamente incazzata nera, reclama e imputa alle forze dell'ordine di non aver fatto abbastanza.

Nel più classico dei classici, cosa avrà scelto di fare la protagonista in seguito alle rassicurazioni della polizia?

Esatto, bravi.

Decide di mettersi in proprio e trasformarsi in detective/vigilante.

Nel suo percorso investigativo finira dritta dritta in una magione dove conoscerà quel gran birbante di Jared Harris, ricco sfondato e custode di chissà quali segreti.

Stop.

Vi sembra interessante ma al tempo stesso prevedibile?

Jackpot.

Avete centrato in pieno la croce e la delizia di questo show.

A piacere piace ma la domanda che un serialfiller esperto, con migliaia di minuti seriali sul contachilometro si porrà, si deve porre è una ed una sola:

Perchè mai dovrei continuare a vedere qualcosa che assomiglia già a tanti pezzi di altre serie già viste?

Broadchurch + The Killing + Collateral + I Know This Much is True e cosi via, sono tante le serie che scorrono nella serialMente mentre guardate questo show.

Bello, anche intenso ma dannatamente simile ad altro.

E dunque che fare?

Il mio consiglio è guardare il pilot e poi decidere.

Personalmente credo che resterò fermo al pilot.

Un minutaggio troppo elevato impone delle scelte.

Nelle 5 ore che mi separano dall'inizio al termine della serie potrei scegliere di guardare altro, magari 1/2 stagioni di qualche comedy sparsa in giro e purtroppo son cose che vanno ponderate o come fai a raccontare agli altri cosa appuntare o cosa no sull'agendina?

Voi, però, magari ne avete viste meno di serie tv rispetto a me e magari uscirete rinfrancati dalla visione del pilot.

A me è piaciuto ma ha lasciato abbastanza poco per spingermi ad andare avanti.

Il cast è ottimo, la regia più che buona, la tensione non è malaccio.

Datele una chanche per 58 minuti e poi alzate il pollice verso l'alto o verso il basso a seconda del gradimento.

Abbiamo trovato un compromesso?



 



Voglia di continuare a vederlo: 5,5

Voglia di consigliarlo: 6,5

Originalità: 5

Cast: 7

Comparto Tecnico: 6,5

Dove Vederla: AMC

Anno di uscita: 2021

158 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti