• cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

The Premise: non chiamatela "la nuova Black Mirror"

Nostalgici di Black Mirror?


Amate le serie che ragionano fuori dagli schemi?


Le serie tv antologiche sono la vostra unica fede?


Assurdità e non sense capaci di esaltare i difetti dell'essere umano e della nostra società vi mandano in brodo di giuggiole?


Allora forse, ma proprio forse dovreste recuperare The Premise, nuova serie FX / Hulu scritta e diretta da B.J.Novak che i fan di The Office sicuramente ricorderanno e che qui ci mette la faccia, anche in maniera un po irritante, all'inizio di ogni episodio.

La visione dei primi 2 episodi scorre via che è un piacere, grazie anche alla bravura dei 2 attori protagonisti che si prestano a 2 prove abbastanza particolari ed intense.

Ben Platt, nel primo episodio interpreta un ragazzo con le sue fisime e le sue problematiche ma intento a fare del bene, un bene che potremmo definire comune. Suo malgrado sarà il grimaldello per garantire la libertà ad un giovane afroamericano accusato di un crimine contro la polizia che non ha commesso. Il personaggio interpretato dal protagonista di The Politician consegnerà una prova inconfutabile dell'innocenza del giovane afroamericano, prova che sarà di difficile diffusione e di difficile accettazione per la giuria ma che mostrerà, senza se e senza ma, l'innocenza di una vittima del sistema e della cosiddetta police brutality.

L'utilizzo della prova è quello che rende speciale questo episodio altrimenti molto classico e ampiamente già visto. Sarà la prova stessa ed il protagonista di quell'incredibile video a diventare di rimando il bersaglio della giuria e dell'indignazione popolare, pur non avendo commesso alcun crimine.

B.J. Novak è bravissimo a mostrarci quanto siano diventate superficiali e banali le modalità con cui ci interfacciamo con un valore capitale come la giustizia e come oramai ogni cellula del sistema sia stata incancrenita dall'odio social e dalla gogna mediatica.

Ben più drammatico è l'episodio dedicato a Jon Bernthal (The Punisher, The Walking Dead), episodio che solo alla fine ci mostra il vero risvolto della medaglia di quella che è diventata una società (quella americana) sempre più simile al vecchio Far West.

Le armi, le lobby delle armi sono al centro di questo intenso episodio il cui epilogo è destinato a far riflettere e non poco.

The Premise è una bella serie, molto particolare ed originale che strizza si l'occhio a Black Mirror ma che, in fondo, con Black Mirror ha ben poco a che fare. Laddove in Black Mirror era la tecnologia a sottendere ogni dinamica qui è la società ad essere messa in discussione, quella di oggi e non quella del futuro, sebbene molto prossimo.

Non si può dire neppure che The Premise brilli per guizzi tecnici o per chissà cosa ma il suo lo fa e lo fa molto bene, adornato da quelle idee originalissime di cui sopra che da queste parti fanno sempre alzare i calici e brindare felici.

Datele un'opportunità se avete mezzoretta da dedicare al divano e la tv. Potrebbe regalarvi un piacere inatteso.


Voglia di continuare a vederlo: 8

Voglia di consigliarlo: 7,5

Originalità: 8

Cast: 7,5

Comparto Tecnico: 6,5

Dove Vederla: FX / Hulu

Anno di uscita: 2021