• cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

WandaVision: On a very special episode... Lo è stato davvero?

Arrivata al giro di boa, WandaVision manda in tilt il cervello di noi poveri umani, soprattutto grazie ad una scena finale che in un fotogramma potrebbe scrivere (o riscrivere) la storia di questa serie ed in generale dell'intero universo Marvel conosciuto sinora.

Il web è in visibilio, orde di spettatori increduli stanno dipingendo i muri dei social con affreschi di un mondo che verrà e al quale forse non eravamo ancora preparati.

Il quinto episodio di WandaVision, oltre a spingere sempre e comunque sulla tavoletta della metanarrazione, si esprime, si sbilancia pesantemente su quanto stia accadendo a Westview, fornendo tante piccole risposte che da sole porteranno a grandi domande, in un vortice che richiama fortemente il labirintico mondo di Lost.

Se è vero che il finale ha causato cortocircuiti mentali a pioggia, è vero che prima di quel fantastico siparietto finale sono state tante le circostanze che ci hanno fatto mettere in discussione la realtà a cui avevamo assistito fino a questo punto nella serie.

Il finale non fa che mettere un punto esclamativo ai dubbi che durante l'episodio erano andati insinuandosi nel nostro cervelletto in attesa di qualche briciola di pane che potesse indicarci il cammino.

Ho scritto 1230 caratteri senza fare spoiler.... Che fatica!

Ora basta però, dopo l'immagine vi saranno spoiler!

Aneurisma evitato e via libera a dei commenti più liberi e spoilerosi su questo quinto episodio.

A tutti quelli che credevano che WandaVision fosse solo un divertissment deve essere crollata ogni certezza.

Con ogni probabilità questo episodio potrebbe essere ricordato a posteriori come quello che sancì definitivamente un cambio di rotta per tutto l'MCU e non solo.

A livello simbolico l'approdo di Pietro Maximoff sull'uscio di Casa WandaVision nel finale, è l'ideale ingresso degli X-Men nell'MCU.

A proposito di metanarrazione, Kevin Feige deve essersi divertito un mondo ad immaginare che il primo X-Men a comparire ufficialmente nell'universo estesissimo della Marvel fosse proprio il fratello di uno degli Avengers più noti e che questo incontro fra le 2 saghe avvenisse proprio sull'uscio della porta di casa di quell'Avengers.

Cosa può esistere di più didascalico, raffigurativo, esemplificativo, metaforico di un nuovo arrivato che bussa alla porta del "padrone di casa"?

Tra genialità e semplicità questo colpo di scena ha messo KO tutti.

A primo acchitto potrà sembrare "solo" come una reunion fra 2 fratelli superpotenti in una pucciosa e colorata sitcom frutto dei capricci di mamma Marvel.

Mmm...fermi, non è proprio cosi.

Pietro Maximoff è morto durante le vicende legate ad Avengers Age Of Ultron.

Sappiamo che ad interpretarlo vi era Taylor Johnson che invece qui è stato sostituito da Evan Peters (a proposito "She recast her brother!" resterà negli annali di tutto!).

Evan Peters non è solo un attore a caso scelto per sostituire il vecchio interprete di Pietro Maximoff.

Evan Peters è, come saprete, il Quicksilver della saga degli X-Men.

Quicksilver è Pietro Maximoff secondo tutta la letteratura fumettosa di Stan Lee è soci.

Wanda ritrova suo fratello sotto mentite spoglie ma lo riconosce come suo fratello.

Noi ritroviamo un Pietro Maximoff di un altro universo cinematografico e lo riconosciamo come il "nostro" Pietro Maximoff.

Perchè?

E' Wanda che sta ingannando sè stessa e noi spettatori? Pietro è un intruso? Se si chi lo ha portato lì?

Forse la risposta sta in un altro frammento importantissimo che ci ha fatto sussultare durante l'episodio.

Quale?

Scavalcate l'immagine e ve lo dirò (e magari iscrivetevi a serialfiller.org nel frattempo cosi potrete diventare membri e interagire con me e gli altri utenti, commentare in fondo a questo post e agli altri post ecc).

C'è un momento in cui Wanda abbatte un drone e torna nel mondo "reale" scavalcando la barriera da lei stessa creata.

C'è un particolare però che deve essere sfuggito a tutti quelli che hanno visto l'episodio con doppiaggio italiano e non in lingua originale (seriously ragazzi? Non siamo negli anni '90 e non siamo in "Genitori in blue jeans" bisogna adeguarsi su!).

La Wanda che esce dalla "Hex" è una Wanda con spiccato accento Sokoviano.

La Wanda dei primi tempi, quella "cattiva" per intenderci, veniva introdotto con questo accento da est europa, mentre la Wanda versione Avengers era stata totalmente americanizzata.

Un caso?

Ed è un caso che il periodo scelto per ambientare la sitcom che ospiterà questa reunion siano proprio gli anni '80? Sono esattamente gli anni in cui su per giù dovrebbe essere ambientato il Quicksilver della versione Fox degli X-Men.

A giudicare dalla reazione di Wanda alla vista del fratello sembrerebbe che ella stessa sia incredula.

Possibile che non sapesse nulla?

Possibile che non fosse stata lei ad alterare la realtà in quello specifico frangente?

E' dunque possibile che la Wanda minacciosa che ha abbattuto un drone e minacciato lo S.W.O.R.D. fosse una Wanda diversa da quella da noi conosciuta sinora in WandaVision?

Se la risposta fosse affermativa allora questo porterebbe ad un'unica altra congettura.

Con "On a very special episode..." la Marvel ha appena introdotto il multiverso nel Marvel Cinematic Universe e lo ha fatto introducendo gli X - Men nello stesso universo.

E allora si che ci troveremmo davanti ad un very special episode!



Voto episodio: 9,5

160 visualizzazioni