• cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

The Falcon And The Winter Soldier: il pilot vola basso, nonostante le ali

Neppure il tempo di metabolizzare la conclusione di WandaVision (a proposito, sto preparando per voi un recap per immagini e per recensioni di tutti gli episodi della serie con Elizabeth Olsen) che Disney Plus e Marvel tornano a solleticare i nostri spiriti supereroistici.

Questa volta sono 2 personaggi secondari, ma non per questo marginali, del Marvel Cinematic Universe, a prendersi il proscenio.

Anthony Mackie e Sebastian Stan tornano a vestire i panni di Falcon e del soldato d'inverno in una serie tv interamente dedicata a loro e dall'originalissimo titolo "The Falcon And The Winter Soldier".

Al termine della visione del primo dei 6 episodi che comporranno la miniserie, c'è da temere che il titolo non sarà l'unica cosa poco originale.

Il terzo prodotto seriale di Disney Plus, nonchè il secondo di una lunga serie che legheranno l'MCU al piccolo schermo, è quello che convince meno al suo esordio.

Sarà impossibile, parlando della serie, non effettuare rimandi e confronti a The Mandalorian ma sopratutto a WandaVision stessa, con la quale, oltre a condividere la piattaforma, condivide anche lo stesso universo espanso.

Dopo l'istituzionalissima immagine di copertina seguirà qualche piccolo spoiler sul primo episodio e soprattuto la mia consueta analisi oggettivamente soggettiva!

Pronti?

Aprite le ali!

So che a voi tutti piacciono i riassuntoni.

A me no.

Qualche cenno ok ma...ma perchè perdere tempo a raccontarvi la trama e sprecare energie a mettere insieme quello che è successo quando ci sono tanti siti e blog che lo fanno meravigliosamente? E poi se proprio si vuole avere un riassuntone allora perchè non guardare l'episodio e giudicare da sè?

Il mio tentativo (e mi tocca ripeterlo sempre più spesso) è di portarvi dentro all'universo seriale, accarezzandone le sfumature e approfondendo singoli episodi, serie, generi sull'onda delle emozioni che esse suscitano e cavalcando la tavoletta da surf a caccia del brivido giusto, accompagnato da considerazioni sperabilmente oggettive.

Tutto questo pippone per dirvi che, sebbene proverò a raccontarvi ogni episodio di The Falcon and The Winter Soldier, non meravigliatevi se nelle recensione non troverete la cronistoria di quanto accaduto nel singolo episodio.

Da questo punto di vista, e per mia fortuna, la prima puntata non richiede chissà quale sforzo.

Siamo in un mondo post blip. Le persone che erano scomparse, a causa dello schiocco di dita di Thanos, sono ritornate tra noi ed ognuno, eroi ed Avengers compresi, è chiamato a riscrivere la propria storia e trovare una nuova strada, una nuova pace come dirà Bucky durante la seduta dalla psicologa.

Non fanno eccezione Sam Wilson e Bucky, chiamati ad affrontare la loro nuova condizione.

Entrambi, pur non essendo mai stati davvero dei protagonisti totali dei film del MCU, sono tra quelli che, in seguito ad Endgame, hanno visto una rivalutazione, un'esaltazione dei rispettivi ruoli e per i quali, dunque, c'è una certa attesa legata ai rispettivi destini futuri.

Sam, come saprete, ha ricevuto lo scudo da Steve Rogers.

Responsabilità pesantissima che in questo primo episodio occuperà grande importanza.

Bucky è stato perdonato definitivamente ed è, finalmente, diventato uno dei buoni. Dovrà fare i conti con incubi passati e con una nuova condizione per lui, quella di un uomo tutto sommato normale e libero, privo di conflitti esteriori ma colmo di risentimenti e fantasmi che tornano a perseguitarlo.

Le conseguenze del blip e degli eventi di Endgame sono il vero collante che tiene insieme WandaVision e The Falcon And Winter Soldier.

Per il resto (e daltronde gli showrunner ci avevano avvertito) le 2 serie vivono vite quasi diametralmente opposte.

Il paragone con WandaVision è e sarà inevitabile.

In un'ipotetica gara a punti, la serie tv con Elizabeth Olsen stravincerebbe la battaglia legata all'esordio delle rispettive serie.

Il pilot di WandaVision, per quanto contestato e complicato, era gustoso, originale, particolare e intelligente.

The Falcon And Winter Soldier è quanto di più classico ci si potesse attendere da un prodotto di questo genere.

Azione, azione, azione.

Eroi chiamati a fare i conti col proprio destino. Un villain in agguato e ancora non mostrato. I buoni che tanto buoni non sembrano essere (vedi le banche o la scena finale).

C'è poi un'altra evidenza che salta immediatamente agli occhi.

WandaVision poteva contare su una coppia di protagonisti eccezionali, di cui ci interessava ogni cosa mentre in TFATWS non riusciamo ad empatizzare con la stessa velocità, con lo stesso grado di profondità.

E poi in WandaVision, Elizabeth Olsen era semplicemente un miracolo.

Bravissima, totalmente in parte, capace di raccontare la sua Wanda come nessuno avrebbe potuto, bellissima nella sua duplice veste di Wanda (scorporatasi poi in decine di versioni di lei stessa) e Scarlet Witch. E se Paul Bettany era in qualche modo passato in secondo piano era solo perchè la bravura e il carisma di Elizabeth Olsen erano risultati abbaglianti.

In TFATWS Anthony Mackie è un attore molto più monodimensionale, meno espressivo, meno attraente dal punto di vista recitativo e non solo. Sebastian Stan, invece, sembra essere colui il quale potrebbe beneficiare di una storia più complessa e tormentata legata al suo personaggio.

Non a caso, dopo il primo episodio sembra "fregarcene" qualcosa in più di lui rispetto a Sam Wilson.

In definitiva, dal confronto fra le 2 serie The Falcon And The Winter Soldier ne esce con le ossa rotte ed è difficile pensare, nonostante si sia solo al primo episodio, che di qui alla fine possano esserci risvolti e accelerazioni tali da stabilire un sorpasso nella gara a punti di cui parlavo pocanzi.

Volendo allargare il discorso alla terza delle prime 3 serie Disney Plus, il paragone è ancora più impietoso.

The Mandalorian col suo pilot aveva convinto tutti. The Falcon And The Winter Soldier credo abbia semplicemente divertito ed intrattenuto benissimo, senza far saltare sulla sedia nessuno.

La parte action funziona benissimo, specie nella prima parte, ed è lodevole esplorare le conseguenze che il blip ha avuto su persone comuni (ad esempio la sorella di Sam) e meno comuni (Bucky e Sam ovviamente) e di come il mondo sia cambiato e con lui anche gli Avengers, chiamati a reinventarsi dopo la dipartita di Tony e l'addio di Rogers.

E' un momento metanarrativo che ho apprezzato molto quello dove gli autori hanno voluto metterci in guardia su quello che potrebbe diventare il nuovo MCU, dove molti eroi classici ai quali siamo affezionati faranno spazio alle nuove leve o a vecchie conoscenze di cui impareremo molto di più anche grazie a questi prodotti Marvel - Disney Plus che con WandaVision hanno fatto capolino.

Il primo cerotto è stato tolto.

Un piccolo moto di delusione c'è per un prodotto che è comunque ampiamente sopra la media delle serie di un certo livello.




Voglia di continuare a vederlo: 9,5

Voglia di consigliarlo: 6,5

Originalità: 4

Cast: 6++

Comparto Tecnico: 8

Dove Vederla: Disney Plus

Anno di uscita: 2021

200 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti