• cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

The Umbrella Academy: intrattenimento e soundtrack possono bastare?

Lo scorso anno Netflix ha regalato agli appassionati di fumetti la trasposizione dell'omonimo "comics" scritto da Gerard Way (cantante dei "My Chemical Romance") e arricchito dai disegni di Gabriel Bà:

The Umbrella Academy.

La serie tv è stata da subito un grosso successo ed era chiamata a raccogliere l'eredità dei 4 prodotti (+1) targati Marvel/Netflix, che da poco avevano "abbassato la saracinesca" in vista dell'approdo di Disney+.

Con essi, The Umbrella Academy, condivideva solo il genere di fondo, unico filo conduttore ad accomunare i vari Luke Cage, Daredevil, Jessica Jones ed Iron Fist con i 6 ragazzi (+1) dell'accademia.

Di li a qualche settimana sarabbe, poi, arrivata Amazon Prime Video ad offuscare quanto di buono fatto da Netflix, grazie all'esordio di un altro prodotto legato ai fumetti: The Boys.

Rispetto ai titoli Marvel/Netflix sopracitati, The Boys ha dimostrato di avere più di un legame con