top of page
  • cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

Recentweet: Homeland


Di serie tv belle ne esistono centinaia.

Di serie tv ottime altrettante.

Di serie tv indimenticabili, molto poche.

Homeland è una di queste.

La spy drama di Showtime ha fatto, decisamente, la storia, raccogliendo l'eredità di 24 e sfumandola con dei risvolti molto più geopoliticamente attenti e visionari e con un focus sulla psicologia dei personaggi invidiabile.

Il finale, arrivato un paio di anni fa oramai, ha saputo rispettare tutto quello che la serie ci aveva offerto nelle 8 stagioni precedenti, sia in termini narrativi che in termini di sviluppo dei personaggi, dei suoi magnifici personaggi.



Da Brody a Carrie, passando per lo stupendo personaggio di Saul Berenson, gli autori hanno cesellato personaggi e persone complesse, votate al proprio lavoro e dal complicatissimo destino.

Nulla, dopo Homeland, potrà essere più come prima per chiunque voglia cimentarsi nella scrittura di una sceneggiatura spy.

Superarla è quasi impossibile, provare ad eguagliarla è impresa ardua.

Ci hanno provato in molti in questi ultimi 2-3 anni. Nessuno ha veramente saputo raccoglierne l'eredità. Solo Slow Horses, forse, è partita bene.

8 anni sono lunghi ed Homeland ha dimostrato, tra le altre cose, di saper convivere con scelte difficilissime senza mai patire la sofferenza di script complessi e mal digeriti, spesso dal pubblico.

Nonostante questo, la serie ha sempre tenuto la barra dritta, sbandando quasi mai e spesso precorrendo i difficili tempi che viviamo oggi nel campo della politica internazionale.

Considerazioni sparse sulla serie e sul finale le trovate nel post originale al link in basso.





Vi rimando alla home di www.serialfiller.org per scoprire tutto il resto.


Iscrivetevi per restare sempre aggiornati.


Seguitemi su Instagram, Facebook, Twitter per essere in contatto diretto e costante con me.

229 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page