• cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

Snabba Cash: hai capito gli Svedesi?!?!

Non vi farò aspettare.

Ve lo dico subito.

Snabba Cash è una bomba, ed è forse una delle serie tv più tese, adrenaliniche ed intense degli ultimi anni.

Netflix, per fortuna, non è solo la rappresentante di quelle clamorose e insensate scemate alla Behind Her Eyes e Che fine ha fatto Sara?, e ogni tanto si ricorda di essere la signora dello streaming e della qualità.

E' sua la produzione di questa serie svedese (si avete capito bene, svedese), tratta dall'omonimo libro di Jens Lepidus, qui anche nelle vesti di regista e creatore.

Sarò per sempre debitore a chi me l'ha fatta notare.

Mai avrei immaginato di recuperare una serie tv ambientate ed ideata nella fredda nazione scandinava. Mai avrei immaginato di restarne rapito.

Snabba Cash ha tutte le carte in regole per finire in alto, molto in alto nella classifica delle migliori serie tv del 2021 ed ha ogni cosa al suo posto per calamitarvi dentro una brevissima epopea criminale fatta di sparatorie e traditori, droga e sangue ma anche di ineluttabili scherzi del destino.

Leya, interpretata da Evin Ahmad (quanto mi ha ricordato Sarah Shahi...), è una giovane donna, madre single, a capo di una startup in cerca di finanziamenti per poter finalmente spiccare il volo.

Il desiderio di Leya è quello di decollare con la propria piccola e ambiziosa azienda, in modo da regalare un futuro migliore a sè stessa e soprattutto al piccolo Sami.

Non sarà facile.

Tra benefattori sfuggenti e un mercato spietato, Leya si troverà ben presto a dover fare i conti con delle complicazioni di carattere finanziario che la spingeranno a chiedere l'aiuto di Ravy, a capo di una delle gang più pericolose di Stoccolma.

Tim è un ragazzo svedese di 15 anni, molto ambizioso e sempre a caccia di guai. Pelle bianchissima, sguardo glaciale, volto impenetrabile, Tim finirà ben presto in una tela troppo grande per poterla districare, colpevole di aver voluto spingere il piede sull'acceleratore troppo in fretta e con le persone sbagliate.

Salim è un giovane immigrato di seconda generazione che non per scelta, non per soldi, ma "perchè è successo e basta", frequenta e spalleggia la banda criminale capeggiata da Ravy suo fratello criminale e uomo che ripone grandissima fiducia in Salim.

L'universo farà incrociare i destini di queste 3 persone con un gioco di scatole ben congegnato e travolgente, atto ad accrescere una tensione sempre crescente ed un senso di intrappolamento claustrofobico per 3 personaggi diversissimi fra loro.

Salim incontrerà Leya.

I 2 si innamoreranno.

Leya sarà sempre più coinvolta negli affari criminali, suo malgrado e inconsapevole del ruolo di Salim.

Tim sarà il mulo, il ragazzetto sfruttato e gettato in mezzo ai pericoli da Ravy ed i suoi soci e vedrà in Salim una sorta di fratello maggiore che lo spingerà ad uscire da quel giro così pericoloso.

Le cose non si metteranno benissimo e ben presto queste 3 vite finiranno per collidere e far esplodere tutte le situazioni che inesorabilmente si erano solo accarezzate fra loro prima di quell'inelluttabile boato.

La bellezza di Snabba Cash sta nell'essere riuscita a creare una piccola rete narrativa nella quale anche lo spettatore ha finito per ingabbiarsi.

Le musiche ed alcune dinamiche hanno ricordato Gomorra ma la serie sembra aver attinto anche da altre grandi opere seriali degli ultimi anni.

Il debito verso la serie tv di Sollima è evidentissimo ma solo nella componente più prettamente "crime". A ben guardare, rispetto a Gomorra, la serie Netflix non avvolge e coinvolge solo criminali ma ci mostra l'atteggiamento e la reazione verso quel violento mondo, da parte di personaggi del tutto estranei al traffico di droga o al riciclaggio, alle estorsioni cosi come alla violenza tout court.

Se Salim è lo stereotipo del ragazzo del ghetto, emarginato e senza opportunità, finito senza problemi e senza sorprese nella tela del ragno, non si può dire lo stesso di Leya e Tim.

La prima è una donna imprenditrice, una business woman in gamba e con tante idee e che solo per necessità finisce invischiata in affari sporchi.

Il secondo è poco più che un bambino rimasto affascinato dal crimine e dai facili guadagni.

Il percorso di Leya ricorda maggiormente quello di Walter White, non tanto nella sua evoluzione ma quanto nella scintilla che la porta dentro quel mondo. Inoltre, è abbastanza lampante come in questa brevissima epopea criminale, vi siano tantissimi tratti della tragedia shakesperiana contemporanea di Kurt Sutter di qualche anno fa. Sons of Anarchy è rimasta nell'immaginario collettivo proprio grazie alla capacità di raccontare l'incapacità di un ragazzo, tutto sommato buono e sognante, come Jax Teller, di uscire fuori da un labirinto di sangue e violenza.

Per certi versi, le parabole di Leya, Tim e soprattutto Salim, fanno riaffiorare quelle turbanti e conturbanti sensazioni che la serie di FX ci aveva regalato anni fa.

Snabba Cash è, insomma, una vera e propria rivelazione, una rivelazione che riuscirete a guardare con voracità e velocità, grazie anche ai soli 6 episodi che compongono la prima stagione.

Ne resterete impressionati.

Parola di un serialfiller.


 

Sviluppo Personaggi: 9

Complessità: 6,5

Originalità: 7

Autorialità: 7,5

Cast: 6,5

Intensità: 9,5

Trama: 7++

Coerenza: 7,5

Profondità: 6

Impatto sulla serialità contemporanea: 6

Componente Drama: 10

Componente Comedy: 2

Contenuti Violenti e/o sessuali: 9

Comparto tecnico: 6,5

Regia: 6,5

Intrattenimento: 6

Coinvolgimento emotivo: 9

Soundtrack: 6,5

Produzione: Netflix

Anno di uscita: 2021

720 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti