top of page
  • cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

The Crowded Room: Tom Holland è finito in ancora in una ragnatela ma stavolta è mentale

Sto iniziando ad avere un piccolo problema con Apple TV Plus. Ogni volta che guardo una nuova serie di Apple tende a ricordarmene un'altra, spesso prodotta dalla stessa Apple. Se il fattore dejavù è, di per se stesso, un problemino, ancor di più è se quel frammento è legato a qualcosa che quella stessa emittente aveva proposto mesi prima. Assonanze nelle storie o negli stili o addirittura nelle sigle mi mettono di fronte ad una riflessione dolorosa. Non è che Apple sta iniziando a perdere la bussola e diventare un'industria dove, con innegabile qualità, si sta iniziando a fare vendita all'ingrosso e non più al dettaglio? Quella che sembrava una bottega dove acquistare abiti sartoriali di stoffa pregiatissima mi pare stia diventando, sempre più, una grossa catena, se vogliamo di lusso, dove acquistare abiti in serie.

L'ultima uscita, l'ultimo modello prodotto, alla stregua di un'iphone, è The Crowded Room, serie attesissima grazie ad un cast che conta 2 star assolute come Tom Holland (Spider Man) ed Amanda Seyfreid (The Dropout). Il problema nel vedere il pilot di questo show è che ho pensato tutto il tempo a Shining Girls, serie tv con Elisabeth Moss che partì benissimo per poi crollare miseramente nel finale come ebbi a dire in questa recensione. Non starò lì a cercare di spiegarvi perchè, per come, in quale specifica scena, in quale preciso momento, ho avuto questa sensazione di dejavù ma, sappiate, che è stata potentissima in me e questo, come detto, non va benissimo.

Potrebbe andare meglio in termini di classifica, che ne dite? Scopri quale è la posizione a cui The Crowded Room appartiene!

Tom Holland in una scena del pilot di The Crowded Room di Apple TV Plus

Ritornando al solo pilot della serie Apple, che il 9 Giugno, intanto, ha rilasciato i primi 3 episodi della serie tratta dal romanzo del 1981 edito in Italia con il titolo di "Una stanza piena di gente". A trasporre, in tv, quella storia ci ha pensato Akiva Goldsman che, come produttore e sceneggiatore, ha fatto tante cose importanti (ad esempio Fringe) ma che forse mai ha avuto le chiavi di casa di un appartamento cosi lussuoso. Inquilini famosissimi come Holland e Seyfreid danno molta visibilità ma anche tantissima responsabilità ed è su questo, che alla lunga, bisognerà fare i conti.

Personalmente, pur non avendo strabuzzato gli occhi di fronte al pilot, sono certo che la serie avrà molte cose da dire e seguirà uno sviluppo non lineare che, se ben maneggiato, potrà dare grossissime soddisfazioni.

Per adesso, però, mi tocca restare con i 2 piatti della bilancia parimenti soppesati. Non voglio, e forse non posso, espormi troppo. Ne in un senso, ne nell'altro. Stroncare la serie sarebbe da sciocchi. La storia si presta a innumerevoli diramazioni. Il cast è stellare. La Apple, tralasciando questo momento di strana stanchezza, ha dimostrato di essere un vero colosso della serialità. Al tempo stesso, sarebbe miope uscire da questa stanza del blog con toni trionfanti rispetto al primo episodio della serie. Non ho notato, per adesso, guizzi particolari. La regia non ha minimamente preso il sopravvento su una storia sinora abbastanza digeribile. Le performance di Amanda e Tom, per ora, non mi fanno venire la pelle d'oca. Aggiungeteci, poi, quella fastidiosa assonanza con Shining Girls e avete fatto tombola.

Ci risentiremo, sicuramente, fra qualche settimana, per fare un bilancio più corposo e dettagliato dello show. Per adesso, direi, visto che siamo in periodo di esami della maturità, The Crowded Room è rimandata ad un immaginario Settembre Seriale.


 

Voglia di continuare a vederlo: 6

Voglia di consigliarlo: 6,5

Originalità: 5+

Cast: 7

Comparto Tecnico: 6+

Opening: 6,5

Dove Vederla: Apple TV Plus

Anno di uscita: 2023

95 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page