top of page
  • cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

Super Pumped: vorticosa e spregiudicata (come il suo protagonista)


Qualora vi siate mai chiesti come Uber sia diventata Uber, c'è una serie tv che risponderà a tutte le vostre curiosità.

Prodotta da Showtime e con un grandissimo Joseph Gordon Levitt nei panni del protagonista Travis Kalanick, inventore e genio dietro una delle startup più dirompenti del nuovo millennio, Super Pumped vi convincerà attraverso il ritmo forsennato con cui vi racconterà dell'alba di questa società che, in poco tempo, è finita sulla bocca di tutti.

Una delle migliori serie tv cable del 2022 (clicca qui per scoprire le altre).

Belle le performance, ottimi gli approfondimenti su eventi reali ma poco conosciuti ma nulla che possa far gridare al miracolo.

Super Pumped è una serie che diverte, intrattiene e pungola senza mai sfiorare quella qualità che si richiede alle serie grandi e mature.

Volete dare un'occhiata a tutti gli altri post pubblicati?

Nell'ultimo speciale 2022 (qui trovate tutto) Super Pumped non ha trovato grande spazio pur essendo una serie di notevolissimo appeal.

Il motivo è molto più semplice di quanto si possa immaginare.

Nonostante la storia accattivante, un ottimo cast, un protagonista eccelso ed un ritmo forsennato, Super Pumped sembra mancare di spessore e di quell'effetto "wow" in termini qualitativi.

Tutto sembra già visto, già incontrato da qualche parte negli affollati corridoi della serialità.

Il ritmo ed il fiume di parole, citazioni ed accostamenti che escon dalla bocca dei personaggi sembra essere uscito pari pari dalle bocche dei protagonisti di Billions (qui la recensione).

Lo scenario hi-tech e "startupparo" solo nel 2021-2022 si era arricchito di serie come We Crashed e The Dropout tanto per fare 2 nomi, ed entrambe nascevano con dinamiche simili.

Di protagonisti pieni di sè, ricchi di talento e visione ma troppo calati nella parte ne abbiamo visti miriadi negli ultimi anni.

Poco male.

Non importa.

Nessuna colpa.

Questo insieme di fattori, però, ha fatto si che Super Pumped, nonostante tutto, fosse una serie da isolare rispetto ai grandi show passati in rassegna negli ultimi tempi.

Da vedere.

Da consigliare.

Ma da sottoporre ad un netto distinguo rispetto alle top series (qui trovate, ad esempio, i top drama del 2022).


Joseph Gordon Levitt è stato, sicuramente, il mattatore di questo show, in quello che possiamo definire il suo anno di grazia, almeno dal punto di vista seriale.

Dopo Mr. Corman, che lo vedeva dietro e davanti la macchina da presa, è arrivato Super Pumped e, poco dopo, seppur solo in un episodio, lo abbiamo visto nel progetto Peacock di Rian Johnson che tanto successo sta riscuotendo quest'anno, ovvero Poker Face.

In Super Pumped, Levitt è riuscito a trasmettere tutta la carica adrenalinica che deve aver attraversato le stanze di Uber in quei primi momenti di gloria. Un'idea geniale ed un uomo spietato al timone. Consigli utili e consiglieri utilissimi a circondarlo ma anche una grande voglia di emergere ed attestarsi come il numero uno assoluto.

La parabola di Travis Kalanick è stata, ed è ancora probabilmente, quella di un uomo che, toccato il cielo con un dito ha voluto acciuffare una nuvola e salirci sopra, magari dandole il proprio nome.

Levitt ha trasmesso quell'urgenza di Kalanick di essere l'asso pigliatutto della Silicon Valley, nonostante i freni e la saggezza di Bill Gurley, nonostante Uber avesse fatto il fatidico "botto" quasi sin dall'inizio.


A ben vedere, quella di Super Pumped, e quindi di Uber, è una storia di ingordigia oltre che di progresso.

Uber ha cambiato la nostra vita. E' innegabile.

La sua ideazione è stata il frutto del lavoro di una mente geniale ed infaticabile.

L'ascesa di Uber, e di Kalanick, non è stata altrettanto cristallina e da applausi. Troppi sotterfugi, troppe scorrettezze, troppa pressione a se stesso e agli altri.

Kalanick è sembrato, più volte, un uomo solo ed emotivamente violento e Levitt, come spesso gli è capitato in carriera, è stato l'attore perfetto al posto giusto.

Il resto è storia, una storia recente con ancora molte pagine da scrivere.

Con la serie Showtime siamo riusciti a penetrare nelle maglie di questa incredibile follia, assaporandola a poco a poco, insieme alla sua adrenalinica spregiudicatezza.


Sviluppo Personaggi: 7

Complessità: 6+

Originalità: 6,5

Autorialità: 5

Cast: 7,5

Intensità: 7

Trama: 6

Coerenza: 6,5

Profondità: 5

Impatto sulla serialità contemporanea: 2

Componente Drama: 6

Componente Comedy: 4

Contenuti Violenti: 1

Contenuti Sessuali: 2

Comparto tecnico: 6,5

Regia: 6

Intrattenimento: 9

Coinvolgimento emotivo: 6,5

Opening: 4

Soundtrack: 6

Produzione: Showtime

Anno di uscita: 2022

Stagione di riferimento: 1

34 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page