top of page
  • cinguettio
  • Instagram
  • Facebook Icona sociale

The Full Monty: 26 anni dopo il film cult ritorna sottoforma di serie tv

re26 anni fa, nel regno unito prima, e nel resto del mondo poi, usciva Full Monty, film di produzione british che sarebbe diventato un piccolo cult oltre che un successo commerciale planetario.

A dirigerlo c'era Peter Cattaneo, regista che definire meteora sarebbe riduttivo visto che, dopo quel momento di gloria, è letteralmente sparito dai radar, complici, anche, una sequela di film dai risultati pessimi come quelli che diresse dal 1997 in poi.

Nell'epoca dei reboot, revival, spinoff e resurrezioni varie, Disney Plus, attraverso la sua piattaforma figlia "Star" ha ben pensato di ritornare nelle periferie britanniche dove la storia dei più celebri squattrinati degli ultimi 30 anni ebbe inizio.

26 anni dopo, dunque, ritroviamo praticamente tutti i protagonisti di quella pellicola leggendaria che riuscì, addirittura, a portare a casa anche un Oscar, quello per la migliore colonna sonora. Ci sono letteralmente tutti in questa serie evento che, sin dal titolo, The Full Monty, non ammette errori di comprensione.

Quegli spogliarellisti per caso sono ancora lì, a combattere la propria battaglia, a fare i conti con una vita che, nel frattempo, è andata avanti, inesorabilmente.

Ed inesorabile è anche la classifica LIVE 2023 che con il pilot di The Full Monty si arricchisce di un altro titolo. Dove si sarà piazzato, momentaneamente?

Il cast di The Full Monty la serie tv tratta dal film del 1997

Le First Impressions su questa reunion vogliono partire dalla consapevolezza che, 26 anni dopo quel film, il ricordo è più semantico e pop che sostanziale. Per dirla in parole più semplici, non è che vi sia la memoria di tutta la trama, la conoscenza delle singole storyline, il vivido rimembrarsi delle caratteristiche dei singoli personaggi. Per me Full Monty è qualcosa che è entrato nel mio immaginario, è un film riconoscibilissimo e sempre resterà quella pellicola su 6 uomini inglesi squattrinati che, per sbarcare il lunario e riscattarsi da una vita grama, decisero di improvvisarsi spogliarellisti.

26 anni dopo, pare che quella vita grama sia tornata a convivere con loro e che quei momenti di ilare e vorticosa rivincita contro tutto e tutti siano oramai dietro l'angolo. C'è chi si ritrova a fare il bidello a scuola e chi a dirigere una tavola calda, c'è chi cazzeggia e chi girovaga per le vie della città con un materasso sulla testa. Il ritorno agli schemi che resero celebre il film è palpabile.

Di interessante c'è, secondo me, l'incipit in cui vengono passati in rassegna, attraverso i nomi dei primi ministri che, nel frattempo, han governato il paese, quei 26 anni, con il piglio di chi vuole mettere in chiaro che, nonostante siano trascorse cosi tante primavere, nulla, o quasi nulla sia cambiato. I poveri son rimasti poveri, anzi sono aumentati, le disuguaglianze ancor di più, la speranza nel cambiamento positivo si è assottigliata,

I nostri protagonisti sembrano il riflesso esatto di questo non cambiamento.

Restano ne più, ne meno, che dei derelitti della società, abbandonati dal sistema, impoveriti ed invecchiati; e quest'ultimo è, forse, l'unico vero cambiamento.

Sul pilot, in verità, non me la sento di pronunciarmi in un senso o nell'altro. Il ritorno non delude e riesce ad intrattenere bene e ri-proiettarci in una dimensione a noi, comunque, familiare. Al tempo stesso, però, pur essendo ammantato del tanto amato british humour, non sembra brillare particolarmente, ne nei dialoghi, ne nella fluidità della narrazione. Un ritorno fra alti e bassi che dovrà, necessariamente, essere giudicato alla distanza.

Sempre che abbiate la pazienza per arrivare in fondo...


 

Voglia di continuare a vederlo: 6,5

Voglia di consigliarlo: 6,5

Originalità: 4

Cast: 6

Comparto Tecnico: 5

Opening: 2

Dove Vederla: Disney Plus

Anno di uscita: 2023

36 visualizzazioni

Post recenti

Mostra tutti

Comments


bottom of page